Archivi categoria: Uova

Uova di quaglia in crosticina alle spezie

Se avete letto “la vera storia del pollo all’arancia” allora conoscete già il rapporto nostalgico-affettivo che intercorre tra me e tutto ciò che ha a che fare con le quaglie. Le uova poi, così piccole e maculate ad arte (che la prima volta che le ho viste credevo fossero finte: le avevo scambiate per una decorazione pasquale!) mi fanno venir voglia di metterle in un nido su qualche albero e aspettare che nascano i micro-pulcini. Per fortuna, però, poi rinsavisco e le metto in frigorifero…

A Palermo non le trovavo da un bel po’ (prima le compravo al Auchan) ma a Milano sono in ogni dove, così ne ho approfittato per ideare qualcosa di sfizioso.
Con questa ricetta vi suggerisco un modo molto versatile per usale. Cioè, una volta sode e dopo averle fritte nelle spezie, potete presentarle a vostro piacimento in mille modi. Qualche suggerimento?

  • divise a metà e messe nell’insalata (magari condendo con salsa tartara)
  • alternate nello spiedino con pomodori datterini e dadini di mozzarella
  • adagiate in un letto di lattuga belga e sgrassate con una salsa a base di yogurt e aceto balsamico
  • servite con rucola e speck

Uova di quaglia in crosticina speziata

Ingredienti per 2-3 persone:

12 uova di quaglia
1 tazza di farina 00
1 cucchiaino di spezie (curcuma, cumino, coriandolo, pepe rosa)
1 pizzico di sale
1 albume d’uovo
Olio evo
Sale
Per servire e decorare:
pomodorini, rucola, insalata, salsa yogurt o tartara, o altro a proprio piacimento.


Fate bollire 2 minuti le uova di quaglia in un pentolino con acqua fredda. Lasciatele raffreddare 10 minuti e sgusciatele. Preparate la farina alle spezie: pestate il cucchiaino di spezie in un mortaio con il sale e aggiungetele alla farina. In una tazza sbattete l’albume con una forchetta e tenetelo da parte, preparate in tanto un padellino piccolo con l’olio per friggere.
Passate le uova di quaglia nell’albume e poi nella farina con le spezie, riscaldate l’olio in padella, togliete dalle uova la farina in eccedenza sulla superficie e friggetele tutte insieme (vanno fritte insieme perché l’olio si sporcherà velocemente per la presenza delle spezie, ma anche perché facendo più volume il livello dell’olio sale coprendole quasi interamente, in questo modo la frittura risulterà uniforme).
Scolatele con un ragno su un foglio di carta assorbente e aggiungete un pizzico di sale.

Ora potete divertirvi a ideare abbinamenti e composizioni.
Un’idea originale è quella di servirle in un “nido” creato con rucola o agretti bolliti, oppure come “finger food” presentate nel cucchiaio avvolte singolarmente in un cono di provola con una fogliolina di menta, o anche in tazza per un’originale “colazione uova&bacon”.

Pubblicato in Cucina fusion, Finger Food, Primavera/Estate, Stuzzichini, Uova, Vegetariani | Contrassegnato , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Uova golose con funghi porcini e taleggio

Se come me siete golosi di formaggi, se sdilinquite davanti a una fonduta calda e filante, questa è una ricetta di cui non potrete più fare a meno. Siete davanti a uno di quei piatti il cui primo boccone è in grado di mettere in contatto l’essere umano con la benevolenza divina (e secondo me, ha anche un vago effetto afrodisiaco).
Si tratta di una ricetta nata da “un’intuizione del palato” (trovo che i nostri sensi abbiano un’intelligenza tutta loro, a noi quasi preclusa) e, come tale, il risultato è ineccepibile.

Uova con funghi porcini e taleggio

Ingredienti (per 2 persone):

4 uova
12 gr di funghi porcini secchi
10-15 gr di burro
100 gr di taleggio
3 cucchiai di grana
pangrattato
pepe bianco
noce moscata

Fate riscaldare il burro a temperatura ambiente e mettere i funghi in ammollo con un bicchiere d’acqua per 10 min. Trascorso questo tempo, imburrate generosamente due mini-pirofile spargendo il burro con le mani, versate in ciascuna un cucchiaino di pangrattato e spargetelo sul fondo. Prendete il taleggio, privatelo della parte esterna e dividetelo in fettine dello spessore di 0,5 cm. Adesso, in ordine: aprite le uova e versatene due in ciascuna pirofilina, conditele con un po’ di pepe (niente sale!) e noce moscata, dividete i funghi reidratati sulle uova, tenendo da parte un paio di fettine per decorare, coprite col taleggio e terminate col grana distribuendolo in modo da coprire tutte le zone prive di formaggio. Coprite le mini-pirofile (solo le pirofiline e non la pentola) e mettetele a cuocere per 10-12 minuti a bagnomaria in una pentola dove avrete versato un dito d’acqua.

(A questo punto la pentola potrebbe sembrarvi posseduta dagli spiriti, nessun problema: se la pirofila inizia a saltellare e far rumore è del tutto normale).
Intanto preriscaldate il forno. Stando attenti a non scottarvi, togliete le mini-pirofile dalla pentola, eliminate il coperchietto e fate gratinare in forno per 5-10 minuti (posizionando la griglia sulla parte alta del forno). Decorate coi funghi e servite questa delizia filante adagiando le pirofiline bollenti su un piatto ricoperto da un tovagliolo.

 

 

Pubblicato in Autunno/Inverno, Formaggi e latticini, Uova | Contrassegnato , , , , , , , | 2 commenti