Archivi del mese: dicembre 2012

Cartoline di fine anno da Palermo

Non dolci, né ricette. Non vi metterò a lavoro oggi.

Voglio augurarvi un meraviglioso 2013 regalandovi un giro tra i miei luoghi: una manciata di scorci rubati tra vicoli e finestre, e la Palermo trasognata della prosa di Vincenzo Consolo.
Accomodatevi, vi apro il cancello…


In una Finisterre, una periferia, un luogo dove i segni della storia – segni bizantini: chiese, conventi, romitori arroccati su picchi inaccessibili – s’erano fatti labili, sfuggenti, dove la natura placata s’era fatta benigna, ai piedi dei Nebrodi, sulla costa tirrenica di Sicilia, in vista delle Eolie celesti e trasparenti mi capitò di nascere. Nascere dov’erano soltanto echi d’antiche città scomparse, Alunzio Alesa Agatirno Apollonia, che con la loro iniziale in A facevano pensare agli inizi della civiltà.


(…) E poiché, sappiamo, nulla è sciolto da cause o legami, nulla è isola, né quella astratta d’Utopia, né quella felice del Tesoro, nella viva necessità che mi assalì di viaggiare, uscire da quella stasi ammaliante, potevo muovere verso Oriente, verso il luogo tremendo del disastro, il cuore del marasma empedocleo (…).


Ma per paura di assoluti e infiniti, di stupefazioni e gorgoneschi impietrimenti, verghiani immobilismi, scelsi di viaggiare verso Occidente, verso un Maghreb dai forti accenti, verso i luoghi della storia, i segni più incisi e affastellati: muovere verso Palermo fenicia e saracena, verso Panormo, Bahlarm,


verso le moschee, i suq e la giudecche, le tombe di porfido di Ruggeri, di Guglielmi e di Costanze, le cube, le zise, le favare, la reggia mosaicata del “Vento soave”, del gande Federico, il divano dei poeti, il trono vicereale di corone aragonesi e castigliane, muovere verso l’incrocio ai Quattro Canti d’ogni raggio del mondo, delle culture e delle favelle più diverse…

Buon Anno! : -)

Pubblicato in I ricordi dei diari | Contrassegnato , , , , , , | 6 commenti

Cajtto chì patàcchi

Se state pensando che questa sia la trasposizione fonetica di un proverbio cinese, vi state sbagliando. Il cajtto, insieme alle scacce e alle ‘mpanate, è una delle famosissime focacce ripiene della golosa provincia ragusana.

Cos’hanno di tanto speciale queste focacce? A mio avviso, il fatto di essere impastate con farine locali e lieviti casalinghi influisce molto sul risultato, ma il segreto di cotanta bontà risiede tutto nella tecnica: i ripieni vengono messi dentro le focacce completamente crudi! Grazie a questo accorgimento, ogni ingrediente cuoce “a vapore” prendendo sapore insieme agli altri elementi, ed i vapori della cottura insaporiscono il pane che diventa croccante grazie all’olio d’oliva e alla cottura al forno.

Per dovere di cronaca devo precisare che: le ‘mpanate sono tonde, di grandi dimensioni (ci si può saziare anche in venti) e per lo più destinate ai ricchi pranzi delle feste comandate; le scacce sono focacce ripiegate “a libro” tre o quattro volte e poi schiacciate, i cajtti hanno la forma di mezza luna e vengono farciti con dei  ripieni i cui ingredienti non possono essere ben schiacciati nelle sottili scacce (tipo: capretto con patate, agnello e cipollotto, topinambur con carciofi).

Tornando al nostro Cajtto (cioè quello che in questo momento sta dorando nel forno e che sta profumando dolcemente la mia cucina), la scelta dei topinambur è strettamente tradizionale: le mie ricette “ragusane” sono quelle di Ispica, luogo di nascita della nonna paterna, un paese che gode di un terreno sublime. Situato tra Avola, Pachino e Modica, il territorio di Ispica è una fertilissima piana dalla terra ricca ma sabbiosa e circondata da altopiani carsici.

Qualunque coltura dà risultati fantastici ma, proprio perché il fattore che fa la differenza sta nel terreno, il miglior successo lo si ottiene coi tuberi. Non è un caso che l’IGP di Ispica sia la “Carota Novella”!

I topinambur vengono coltivati lì da molto tempo e sono conosciuti localmente col nome di “patacche”, per distinguerli dalle patate. Hanno un aspetto un po’ diverso da quelli provenienti dal nord Europa e che troviamo al supermercato, il sapore è nettamente più dolce e forse anche più aromatico. Dopo questo breve viaggio nella Sicilia orientale, è ora di preparare l’impasto!
Vi assicuro che, a parte il tempo per la lievitazione e quello per la cottura, l’esecuzione è semplicissima. In oltre vi do la ricetta senza lievito madre, così che chiunque possa prepararlo a casa.

Cajtto ai topinambur:

(dosi per 2 cajtti)
250 gr di farina rimacinata
12 gr di lievito di birra
2 cucchiai di olio extra vergine d’oliva
170 ml circa di acqua tiepida

500-600 gr di topinambur
1 mazzetto di prezzemolo
3 scalogni
Sale e pepe
Olio extra vergine

Sciogliere il lievito di birra in una tazza in cui avrete versato l’acqua tiepida, mettere la farina “a fontana” sul piano da lavoro e porre al centro della “fontana” il lievito sciolto, l’olio d’oliva e un pizzico di sale. Impastate il tutto in un panetto che lavorerete “di polso” per una decina di minuti, per poi metterlo a riposare ‘40-‘50 in una ciotola coperta con un panno.

Durante la lievitazione pulite i topinambur con un pelapatate aiutandovi con un coltellino affilato per quelli più bitorzoluti. Dopo averli puliti dovrebbero pesare circa 400-450 gr. Lavateli bene e lasciateli un po’ in acqua fredda.

Adesso potete iniziare a preriscaldare il forno a 160°. Scolate i topinambur puliti e tagliateli a tocchetti, aggiungete a questi i tre scalogni tritati grossolanamente, aggiungete un trito di prezzemolo ben lavato, il sale, il pepe e un filo d’olio d’oliva, mescolate e tenete da parte.

Prendete l’impasto e dividetelo in due parti, ricavate da ognuno un disco, aiutandovi col mattarello, non troppo sottile (circa 4 mm di spessore), distribuite metà dell’impasto su un solo lato di ciascun disco ripiegando l’altra parte a coprire il ripieno, sigillate bene i bordi, mettete su una teglia unta d’olio, spennellate la superficie di ciascun cajtto con altro olio d’oliva e infornate per circa un’ora, cioè fin quando tutta la superficie non sarà ben dorata e croccante.

Servitelo caldo, tiepido o freddo: vi assicuro che in ogni situazione e condizione lo troverete sublime.

Pubblicato in Autunno/Inverno, Ortaggi e verdure, Pane e lieviti, Sicilianitudine, Stuzzichini, Vegetariani | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , | 4 commenti

Marmellata di Clementine

A Dicembre anche la natura porta regali. Ci sono varietà profumatissime di rose che fioriscono proprio in questo periodo, anche sotto la neve. E ci sono alberi che recano i loro frutti più dolci tra i venti gelidi del nord.
La clementina è una varietà di mandarino nata dall’ibridazione con l’arancio, un incrocio così ben riuscito (forse del tutto spontaneo) che la pianta ha poi avuto una sua evoluzione del tutto indipendente dalla mano dell’uomo. Non è un vero e proprio mandarancio, infatti rimane piccola come i mandarini ma, a differenza di questi, ha una polpa dal colore acceso (infatti la marmellata  è bellissima!) ed un sapore meno stucchevole, con un perfetto equilibrio tra l’agro e il dolce.


Questa ricetta la realizziamo con una busta di pectina: di questi tempi c’è così tanto da fare tra cene e inviti, parenti e amici, che trascorrere un pomeriggio ai fornelli per la marmellata è chiedervi troppo. Tempo necessario totale: 1 ora! L’importante è che le clementine siano biologiche, o che le abbiate raccolte in qualche campagna dimenticata dal mondo.

Asciugate con un panno pulito i barattoli che il giorno prima avrete sterilizzato in acqua bollente (avendo cura di mettere uno strofinaccio sul fondo della pentola per evitare la rottura del vetro. Qui si sta parlando dei barattoli già utilizzati, recuperati da vecchie conserve (quelli che ci si scambia tra zie e nipoti diventando una sorta di eredità familiare :- ) Se i barattoli sono nuovi, basta lavarli con acqua calda e asciugarli bene.

A questo punto procediamo:

Marmellata di Clementine:

1 kg di clementine biologiche
650 gr di zucchero
1 busta di pectina
acqua

Togliere le bucce ai mandarini e metterle in una pentola con acqua fino a coprirli bene, aspettare il bollore e, da questo momento, cuocere per 15 minuti. Durante questa operazione pesate lo zucchero e tenetelo da parte, aprite i mandarini a metà per togliere i filamenti e tagliateli anche longitudinalmente per eliminare i semi ( i miei, che venivano dalla campagna, ne avevano tantissimi).
Scolate le bucce, tagliatele a pezzetti piccoli con un coltello e rimettetele nella pentola (senza l’acqua), aggiungete la polpa dei mandarini, lo zucchero, la busta di pectina (a freddo) e rimettete sul fuoco medio mescolando di tanto in tanto.
Da quando inizierà a sobbollire, mescolate per 15 minuti (abbassando la fiamma se il bollore diventa eccessivo). Spegnete il fuoco e con un piccolo mestolo riempite i barattoli finchè la marmellata è ancora molto calda.
Tenendo il barattolo con uno strofinaccio per non scottarvi, chiudete i barattoli stringendo forte il coperchio e metteteli a raffreddare capovolti.

Ricordate sempre che tutte le conserve a base di agrumi e quelle contenenti aceto, una volta chiuso il barattolo, non necessitano di essere sterilizzate nuovamente: il contenuto di acido citrico o acetico basta a preservarle dai batteri pericolosi.

Pubblicato in Autunno/Inverno, Frutta, Le conserve | Contrassegnato , , , , , , , | 2 commenti

Cogli la prima… Oliva!

Ecco, è successo che una qualche domenica imprecisata del mese scorso, durante un pranzo di famiglia, la mia attenzione fosse catturata da un discorso, dal lessico alquanto “familiare”, tra la zia Pina (adorata zia di cui mi avete spesso sentito parlare) e mio padre, suo fratello.

  • Zia – …Toti, io mi ricordo benissimo che la mamma, le prime olive, ‘i cugghieva (le raccoglieva) i primi di settembre, Santa Rosalia; e mi ricordo, pure, che litigava con la nonna (la loro nonna) che già per l’Assunta  aveva i barattoli pronti per le olive.
  • Papà – Io le raccolgo sempre a fine settembre, eppure, schiacciate e messe in salamoia con tutti i crismi, mi paiono sempre dure com’ u lignu.

A quel punto mio padre si era accorto che lo stavo osservavo con un punto interrogativo gigantesco sulla faccia e, col solito sorrisetto da “’tu sì picciridda e ‘ste cose non le poi sapìri”, prese a spiegarmi cosa avesse a che vedere tutto quel trambusto di Santi, Assunte e compagnia, con la raccolta delle olive.


In breve: le olive (quelle delle zone costiere della Sicilia) cominciano a formarsi sugli alberi a giugno. Da luglio ad agosto c’è la fase d’indurimento del nocciolo. In questo periodo l’oliva è ancora legnosa perché la formazione dell’olio nel suo tessuto ha inizio solo tra agosto e settembre. La fase di maturazione vera e propria, che coincide col cambiamento di colore da verde a violetto (invaiatura), inizia a settembre e dura fino a novembre. Se si devono preparare però le olive verdi in salamoia, quelle schiacciate con la pietra ed imbarattolate con acqua salata, alloro e peperoncino, le olive vanno raccolte in un momento ben preciso: quando non sono ancora mature, quindi verdi e dure, ma hanno già accumulato abbastanza olio nei loro alveoli.

“Quindi – concluse mio padre – la tua bisnonna le raccoglieva il giorno dell’Assunta ovvero il 15 agosto quando erano ancora legnose, la nonna le raccoglieva alla fine dell’estate, tuo padre le raccoglie a settembre ma sempre troppo dure sono, e tu, che sarai più furba, le raccoglierai la prima settimana di ottobre”.


Certo, non è che muoia dalla voglia di preparare olive verdi in salamoia (visto che neanche mi piacciono molto), né ho intenzione di propinarvi ricette che non abbia prima provato personalmente. In ogni caso, ciò su cui riflettevo dopo quel giorno è l’importanza che un tempo dovevano avere le feste dei santi nella vita pratica di tutti i giorni.

I santi non scandivano solo il lavoro nei campi e le feste, ma anche i piccoli lavori quotidiani: la gestione della casa, la preparazione delle conserve per tutto l’anno, la raccolta delle erbe… Certo, è vero che oggi come allora, ad ogni festività corrisponde un giorno esatto dell’anno, ma c’è una differenza. E questa differenza sta nella percezione del tempo cronologico.

Mentre la nostra concezione del tempo è matematica (le ore sono composte da 60 minuti, i giorni da 24 ore, l’anno da 365 giorni circa), anticamente il tempo era quantificato in modo arbitrario. Esisteva, ad esempio, un tempo percepito come “pieno” che era quello della bella stagione, in cui c’era tanto da fare e che non bastava mai; e un tempo “vuoto”, quello degli inverni, del riposo degli alberi da frutto e che trascorreva con infinita lentezza.

Inoltre la percezione antica non distingueva il mondo fisico da quello spirituale, ma li sentiva entrambi come “realtà”, e li intrecciava indistintamente in un vortice di percezioni temporali che non poteva certo essere scandito numericamente, ma piuttosto cadenzato da feste sacre o dall’onomastico di figli e nipoti che i nostri nonni non dimenticavano mai di festeggiare.

Detto ciò, io, che come dice mio padre “sarò furba” (speriamo!) , il prossimo anno raccoglierò le olive sì la prima settimana di ottobre, ma precisamente per San Francesco, cioè il 4 ottobre (olive che finiranno in una magnifica ricetta). Così da riprendere un’antica consuetudine e, magari, ricordare anche di portare i miei auguri ad un’amica carissima.

Pubblicato in I ricordi dei diari, L'ortoDotto | Contrassegnato , , , , , , | Lascia un commento